+39 06 2112 9402
staff@myfootballmarket.com

Come Guardiola e il Tikitaka hanno rovinato il calcio europeo

your story, your passion, your market

Come Guardiola e il Tikitaka hanno rovinato il calcio europeo

 

Rimessa dal fondo, i difensori centrali si allargano al posto dei terzini , il mediano si abbassa al posto dei centrali, le ali si posizionano basse e i terzini da mezzale e inizia il Tikitaka dal basso; passaggi corti alto basso o centro lato e poi, una volta creatosi lo spazio si effettua un passaggio più lungo, si guadagna campo e si ricomincia fino a quando non entrano col pallone attaccato ai piedi in porta.

Tutto facile fino a quando hai a disposizione Messi, Neymar, Iniesta, Xavi, David Silva, Gabriel Jesus, Aguero, Mazinga e Jig Robt D’acciao.

Stranamente l’allenatore che il catalano Guardiola porta più nel cuore è il mitologico Carletto Mazzone che sicuramente in più occasioni gli avrà detto: “grazie ar cazzo, Pep, vorei vedette a fa er tikitaka der cazzo co Giaccherini, Candreva e Calabria”.

Purtroppo ormai è venuta su una moda e anche in seconda categoria, in campi indecenti, allenatori che si sentono baciati dal Signore non fanno fare più lanci lunghi alla propria squadra.

Diciamoci la verità, abbiamo nostalgia del vecchio buon calcio fatto di spizzate di testa a centrocampo, di sovrapposizioni in velocità, di Darione Hubner che a spallate arriva davanti al portiere, del cobra Tovalieri che fa un gol di rapina.

Il calcio è e deve essere anche questo e non un mero show tenico di giocolieri.

Come si combatte al meglio il Tikitaka? Semplicemente marcando a uomo; chiaramente bisogna avere gli uomini adatti per farlo.

Quando il Tikitaka non riesce magicamente da Guardiola si diventa Prandelli e può succedere che esci ai Mondiali contro il Costa Rica.

E’ stato proprio l’ex allenatore della Nazionale a importare in Italia il metodo di gioco dell’allenatore Catalano; con la sua Fiorentina aveva illuso un po’ tutti, illuso appunto vista la penosa figura che abbiamo fatto a Brasile 2014.

E’ abbastanza evidente che, da quando Guardiola ha lasciato il Barcellona, non è più riuscito a vincere la Champions. I campionati nazionali li vince tutti ma è anche vero che ha sempre la squadra più forte.

Da parte nostra possiamo dire che speriamo nella fine di questa filosofia di gioco; a volte è meglio vedere uno 0-0 dandosele di santa ragione a centrocampo che un 5-3 frutto di errori in fase di impostazione!

Condividi!

Tags: , , , ,

Lascia un commento

Translate »

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi